Come è fatto un impianto elettrico domotico?

La nostra abitazione ha bisogno di un impianto elettrico di buona qualità, con la giusta estensione che dipende dall'ampiezza della nostra casa.

L'impianto elettrico è formato da componenti fondamentali per il funzionamento del circuito stesso. Gli impianti elettrici nuovi sono classificati in 3 livelli di qualità, in base alla norma 64-8, bisogna poi considerare la potenza contrattuale utilizzata, derivante dalla superficie della casa, che può corrispondere a 3kW, o 6kW per superfici oltre i 75mq.

I nuovi circuiti sono più grandi rispetto ai vecchi modelli e presentano un interruttore generale e almeno due di tipo differenziale.

La norma ha previsto una classificazione dell'impianto in base a 3 livelli come dotazione e comfort, livello 1 standard minimo, livello 2 standard intermedio, e livello 3 standard elevato, quest'ultimo prevede dotazioni di alto rendimento e prestazione e introduce l'utilizzo della domotica.

Affinchè sia presente la caratteristica di domotica devono essere presenti almeno 4 dei seguenti elementi dell'impianto elettrico:

  • Impianto anti-intrusione
  • Gestione temperature nelle stanze
  • Controllo remoto di più funzioni(tramite internet o sms)
  • Diffusione Sonora
  • Gestione dei carichi
  • Comando delle luci
  • Rilevazione fumi e incendio 
  • Anti-allagamento e/o rilevazione gas.
     

La casa domotica viene chiamata "Intelligente" perche' puo' modificare il settaggio dei propri dispositivi a seconda di parametri interni ed esterni.

In pratica nella casa domotica manca il collegamento fisico fra il pulsante e il punto luce dell'impianto elettrico. 

In una qualsiasi casa tradizionale la luce si può accendere da diversi punti , premendo il pulsante che collega questi al punto luce attraverso un cavo elettrico. Per accendere la luce da un altro punto della stanza ci sara ' bisogno di un secondo cavo elettrico.

Nella casa domotica il collegamento avviene attraverso le informazioni scambiate dai "modulini elettronici" che si installano dietro i pulsanti di accensione e nelle scatole di derivazione.

Il cavo che collega il modulo posto nel retro del pulsante e quello della scatola di derivazione e' molto sottile e si chiama BUS, se vogliamo accendere la luce da un altro punto della stanza basterà installare un altro pulsante e un modulino sul retro che verrà messo in collegamento con gli altri, attraverso il filo chiamato BUS.

Rispetto all'impianto elettrico tradizionale, si otterrà una maggiore libertà e dinamicità nell'accensione delle luci della casa, specie se si tratta di una grande abitazione, con più piani, programmare in quali orari accendere l'illuminazione, con una semplice impostazione si potrà fare in modo che dal pc si comanderà l'impianto "spegni tutte le luci".

Il cavo BUS è molto sottile e quindi meno ingombrante di quelli classici,anche se si aumentano i punti luce il suo impiego di spazio è sempre quello.

I modulini elettronici sono il gran punto di forza del sistema domotico, perchè possono riprogrammare ogni pulsante della nostra abitazione, attraverso l'ausilio di un PC, questo conferisce una certa modernità alla nostra domus e flessibilità sicuramente al passo con i tempi.

Le potenzialità di controllo sono molto più ampie e sarà possibile gestire da remoto ciò che è acceso nell'abitazione, inoltre non ci saranno problemi di compatibilita' a inserire e installare questo impianto elettrico per una casa con un design moderno.

Per quanto concerne i costi il prezzo indicativo è di 4000/5000 euro, cifra che a ogni modo puo' essere trattabile con l'installatore qualificato a cui viene affidato il lavoro, saranno ovviamente poi da valutare e mettere in preventivo la manodopera e possibili lavori di muratura.

Il prezzo può ovviamente crescere a causa della grandezza dell'abitazione e dal numero e complessità dei sistemi da gestire ma bisogna tener presente che rispetto a tempo fa non risulta essere più molto oneroso e proibitivo; un'installazione di questo genere con i vantaggi che comporta sicurament risultare un ottimo investimento in termini di sicurezza, prestazioni e utilizzo dinamico e lungimirante dell'energia elettrica, che non dimentichiamoci è uno degli elementi più importanti nelle nostre esistenze e di praticamente tutto quello che svolgiamo.