L'importanza degli interruttori differenziali nell'abitazione. Più controlli, più sicurezza!

 
Il tuo elettricista cattolica ti spiega perchè è essenziale controllare regolarmente lo stato degli interruttori differenziali in casa

Troppo spesso la gente si fa trascinare dalla frenesia della quotidianità. Forse anche a te sarà capitato di farti inghiottire dai ritmi forsennati della vita di oggi, da questa smania di fare centomila cose nel minor tempo possibile. E in tutto questo si rischia di trascurare quelle poche, fondamentali misure atte a rendere sicura la propria casa e, non meno importante, la propria vita.

Digibox Service elettricista cattolica è qui per ricordare a te e a tutti coloro a cui preme la sicurezza domestica di controllare regolarmente lo stato degli interruttori differenziali.

Come ben sai, l'interruttore differenziale, più comunemente noto come 'salvavita', è un dispositivo che ha il compito di portare il circuito della corrente elettrica da chiuso ad aperto in occasione di dispersioni o folgorazioni dell'impianto elettrico verso terra. Interrompe, in pratica, il flusso dell'energia ogni qualvolta la differenza tra le correnti uscenti ed entranti supera una certa soglia.

Ora, come è facile immaginare, anche l'interruttore differenziale, come ogni componente elettrica complessa, ha bisogno di una certa manutenzione periodica. O almeno, c'è bisogno di verificare che tutto funzioni alla perfezione. 

Devi sapere che ogni interruttore differenziale è dotato di un dispositivo di prova. La funzione di questo marchingegno è quella di ricreare, con una vera e propria simulazione, le condizioni in cui l'interruttore differenziale entra in azione. Riproduce, quindi, un flusso di corrente tale da superare quel limite differenziale di cui noi della Digibox Service elettricista cattolica parlavamo in precedenza. 
Quest'azione non presenta alcuna difficoltà. Ti basterà premere il tasto apposito, che di norma dev'essere contrassegnato con una lettera T.

Quanto alla periodicità di tale, importantissima abitudine, non c'è una cadenza precisa ed univoca. In linea di massima dev'essere premura del costruttore del dispositivo indicare un periodo oltre il quale la situazione può diventare rischiosa. Contrariamente, può essere utile consultare le guide CEI: queste ultime riportano spesso la periodicità di azionamento dell'interruttore differenziale equiparando i vari paesi europei e le corrispettive impiantistiche. 

Raccomandazioni minime ed essenziali in termini di sicurezza

Tieni bene presente che l'interruttore differenziale non agisce in tutti i casi di sbalzo tra corrente in entrata e in uscita. Nei casi di sovraccarico o cortocircuito, questo dispositivo non riconosce tale scarto e non entra in azione.

Altra misura imprescindibile, ma questa rimane abbastanza intuitiva, è quella di non provvedere personalmente alla manutenzione dell'interruttore differenziale se non sei un elettricista esperto a livello professionale. Di conseguenza ti invito a non affidare la prima installazione di questo dispositivo in una casa nuova a persone di cui tu non conosca l'esperienza in fatto di impianti elettrici. 

A proposito di impianto elettrico, la premessa fondamentale per cui l'interruttore differenziale non ti possa fare brutte sorprese è la sicurezza che l'impianto di messa a terra della tua abitazione sia rigorosamente a norma.

Affidati a Digibox Service per il controllo e la revisione dei tuoi interruttori differenziali.